Articoli

Ventitre 07 2019 Soul (R)Evolution header

Ventitre 07 2019 Soul (R)Evolution

Ventitre 07 2019 Soul (R)evolution ha suonato così:

 

Ventitre 07 2019 Soul (R)Evolution #playlist

OLA ONABULE – I Knew Your Father

SEBASTIAN KOLE – Numb

BEYONCE, JAY-Z, CHILDISH GAMBINO – Mood 4 Eva

SAM SMITH – How Do You Sleep?

YUNA, TYLER THE CREATOR – Castaway

BJ THE CHICAGO KID, AFROJACK – Reach

RAHEEM DEVAUGHN – K.I.N.G.

JOHNTA AUSTIN – Love Angel

BRIK LIAM – Some Other Dude

XAMVOLO – In Love And War

EMMAVIE – High Off This

R. LUM. R. – How This Feels

SINEAD HARNETT, GALLANT – Pulling Away

SONDREY – Into The Night

NATE WILLIAMS – Love’s Disguise

Ventitre 03 Soul (R)Evolution Playlist

Ventitre 07 2019 Soul (R)Evolution #slrvltn

Personalmente non finirò mai di sostenere che sono gli artisti a provvedere il carburante per questa piccola cosa alla radio che abbiamo chiamato Soul (R)Evolution.
E non perché alla radio un artista riceva promozione (quella la riceve da diversi canali ed è un meccanismo strano, intricato e decisamente poco affascinante da raccontare), ma perché ritengo sia un dovere di chi fa radio tenere in considerazione questa cosa e dare spazio a chi merita e non a chi rientra nelle maglie di un algoritmo o – peggio ancora – di ingredienti precotti ad arte.

La radio come ulteriore passaparola, la radio come punto di incontro fra chi crea la musica e la condivide con il mondo e chi la ascolta, si immedesima e ne trae beneficio. Fra chi la scrive da zero e chi la sceglie per accompagnare momenti della propria vita.
A chi non è capitato, ancora oggi, di ascoltare una canzone degli anni 70 o 80 e ricordare quanto quella sia stata una colonna sonora di momenti della propria vita?
Ecco, tanti.
E così funziona oggi. Quello che oggi ascoltiamo possiamo scegliere di farlo diventare commento sonoro ai momenti delle nostre giornate. Che fanno parte del nostro presente, del nostro quotidiano e che non sono necessariamente giornate stracolme soltanto di nostalgia.

Sono gli artisti quelli che ci danno questa possibilità ed è secondo me dovere delle radio quello di esporli, quello di effettuare una prima scelta, di dare una bussola come è scritto in questa parte del sito.

Perché ciascuno di noi non mangia solo pasta al pesto, perché ciascuno di noi non beve soltanto Coca Cola, perché ciascuno di noi non percorre sempre la stessa strada, perché ciascuno di noi non fa le cose sempre nello stesso modo, perché siamo tutti d’accordo che nel 1983 ballavamo altre cose in discoteca (oggi nemmeno ci andiamo più, forse) ma altrettanto oggi la nostra vita è diversa.
Ricordiamola con gioia la colonna sonora dei nostri anni 70, 80 e anche 90 e per non renderla un museo accostiamola alla colonna sonora del 2019 che ci viene offerta con entusiasmo sempre crescente da artisti che stanno crescendo. E che meritano tutta la nostra attenzione.

Non è vero che non c’è più bella musica, è vero che va cercata con la stessa passione e curiosità di sempre da altre parti e con strumenti nuovi che prima nemmeno esistevano.

Mi piace ricordare il passato, ma sei d’accordo con me quando ti faccio notare che è impossibile riviverlo. E che il presente è un momento bellissimo e va goduto fino in fondo. O no?

Undici-06-2019-Soul-(R)Evolution

Undici 06 2019 Soul (R)Evolution

Undici 06 2019 Soul (R)Evolution ha suonato su Radio Milano International New Vibes. Ora lo puoi ascoltare qui:

Undici 06 2019 Soul (R)Evolution #playlist

NOEL GOURDIN – Lovin’ Up (You)

ERYKAH BADU – Tempted  feat. James Poyser

QUINCY MUMFORD – Thank You

DEM ATLAS – Bad Days Are Over feat. Atmosphere

MAC AYRES – Jumping Off The Moon

AMBER MARK – What If

ADRIAN DANIEL – Near You

GOLDLINK – U Say Feat Tyler, The Creator & Jay Prince

DENZEL CURRY – Wish feat. Kiddo Marv

COL3TRANE – Heroine

SAMPA THE GREAT – Final Form

CHARLES BRADLEY – Lucifer

NEAL FRANCIS – Changes, Pt. 1

KIRK FRANKLIN – Ok

RAPHAEL SAADIQ – Something Keeps Calling Me feat. Rob Bacon

 

Undici 06 2019 Soul (R)Evolution #slrvltn

Insisto sempre sul fatto che io con Simone N1G4 andiamo sì alla ricerca del suono che crediamo sia il migliore per Soul (R)Evolution ma che questo suono non esisterebbe se non ci fossero gli artisti, gli artigiani, a farlo a inventarlo a lasciarlo da qualche parte dove lo si possa trovare.
In maniera più semplice: io faccio girare dei dischi, ma i dischi sono fatti dagli artisti.

Questo è uno degli aspetti importanti e fondamentali del modo migliore – secondo noi, ovviamente – del “fare la radio”.
Poi devono esserci altre cose: una tecnologia che ti permetta di far arrivare ad altri questo suono, un editore che creda in un progetto che non si basa su “quello che vuole la gente” (anche perché né per noi né per Radio Milano International tu sei “gente” e non siamo così arroganti da pensare in tua vece a quel che ti piace/serve/interessa), e la tua curiosità.

Tutti elementi importantissimi ed essenziali e senza uno solo di questi nulla del progetto Soul (R)Evolution si realizza.

Dalla nostra proposta di suono ci piacerebbe che tu possa trovare uno spunto, una scusa per andare a scoprire altri suoni. E se poi trovi qualche suono che noi abbiamo perso di vista puoi farcelo sapere. Qui o attraverso la radio, tanto ci trovi di sicuro.
Per noi l’interazione è questa e non è “diccelo al nostro numero Whatsapp”, perché appunto tu non sei “gente” ma sei molto di più. E pretendi giustamente qualcosa in più.

Ci tenevo a sottolinearlo per bene questa volta.

Ventotto 05 2019 Soul (R)Evolution header

Ventotto 05 2019 Soul (R)Evolution

Ventotto 05 2019 Soul (R)Evolution ha suonato, fuori algoritmo, su Radio Milano International New Vibes e ora lo puoi ascoltare on demand anche da qui:

Ventotto 05 2019 Soul (R)Evolution #playlist

KELLY ROWLAND – Don’t You Worry

STEVEN BAMIDELE – Lighting Fires

DJ KHALED – Just Us (Feat. SZA)

REECE – Man Down (Different Sleep Remix)

TYLER, THE CREATOR – What’s Good

WU-TANG CLAN – Seen A Lot Of Things (feat Ghostface Killah, Raekwon, Harley)

JUDITH HILL – Upside

SYLO NOZRA – Fomo

JORDAN RAKEI – Rolling Into One

FLYING LOTUS – The Climb (Feat. Thundercat)

LASPERANZA – Kilimanjaro (Feat. Hannah White)

NOLO – Always On My Mind

YUNA – Black Marquee (Feat. G-Eazy)

JUST LOUD – Blue On Blue

RAHSAAN PATTERSON – Wonderful Star

Ventotto 05 2019 Soul (R)Evolution

 

ventuno 05 2019 Soul (R)Evolution Header

Ventuno 05 2019 Soul (R)Evolution

Ventuno 05 2019 Soul (R)Evolution è stato trasmesso per la prima volta su Radio Milano International New Vibes. Ora puoi riascoltarlo qui:

Ventuno 05 2019 Soul (R)Evolution #playlist

DJ KHALED – Higher Feat. Nipsey Hussle & John Legend

RAHSAAN PATTERSON – Heroes And Gods

GRYFFIN & ALOE BLACC – Hurt People

AUGUST 08 – Simple Pleasures

NOT3S – Wanting

RASHARN POWELL – Hiroshima

SEBASTIAN MIKAEL – Time

LIZZO – Boys

TYLER, THE CREATOR – I Think

JAMILA WOODS – Baldwin

THE HEAVY – Fighting For The Same Thing

DAVIE – Flavor

SEBA KAAPSTAD – Don’t

bLAck pARty – 4 AM In NY Feat. Anajah

STEVEN BAMIDELE – Lighting Fires

VENTUNO-05-2019-Soul-(R)Evolution-Playlist

 

Ventuno 05 2019 Soul (R)Evolution #fuorirevolution

Ci piace sperimentare. Anche con la rete, con le piattaforme e tutto quello che è nuovo (o quasi, insomma).

Partendo dalla base, era obbligatorio un approdo su Spotify con l’on demand. È stata scelta questa piattaforma perchè  l’ascolto dei contenuti viene fatto slegato dal tempo in cui accadono e si lega alle abitudini di chi ha l’intenzione di ascoltare. Questo è il bello (o il brutto, dipende da come la si voglia vedere) “dell’internet”.

Ed è bello essere insieme a Irene e Freez, la SoulSista e il Cerimoniere per eccellenza: ci trovi tutti nella stessa stanza, quella di Radio Milano International, la radio che rappresenta il tuo suono.

Inizio a camminare per questo sentiero, perché continuo a credere che l’interazione e il dialogo non debbano essere soltanto un’azione che arriva da un messaggio WhatsApp, da un like su Facebook, da un cuore su Instagram.

Interazione e dialogo partono dal condividere. Nel caso di Soul (R)Evolution la musica che io e Simone N1G4 raccogliamo fuori dagli algoritmi ogni settimana e poi, se vuoi, ci spostiamo sui social, sulle email, sui messaggi per approfondire, raccontare, scambiare opinioni e pareri. Come si faceva “ai vecchi tempi”, usando però la tecnologia per annullare le distanze.

 

Tyler the Creator Igor

Tyler the Creator – IGOR

Tyler the Creator ha distribuito il suo quinto disco.

Lui non è mai stato uno di quelli che ci ha abituati alle strutture classiche delle canzoni, ha sempre scelto altri percorsi, strade diverse per esprimersi.
E, a dirla tutta, non ci è sempre riuscito bene.

Questa volta decide di cambiare – di nuovo – rotta.

Tyler the Creator con Igor sembra vestire i panni del Minotauro che ti spia dentro il suo labirinto. Un labirinto che si trasforma, che muta, che ti accompagna in un viaggio.

La richiesta, legittima e secondo me fondamentale, che ha fatto Tyler the Creator alla viglia della pubblicazione di ‘Igor’ attraverso un post su Instagram è quella di prendere questo disco e non aspettarsi nulla.

Tyler the creator insta post

Accendere, premere PLAY sulla prima traccia, buttare il cellulare, alzare il volume e ascoltare.

Per 40 minuti.

Perché l’idea che sta dietro Igor è quella di sbatterti in faccia un sacco di cose.

‘Are We Still Friends’ chiude il viaggio nella collaborazione con Pharrell e nella scrittura di Tyler a quattro mani con il Rev, Al Green.

Ti anticipo che gli risponderai “certo che sì”.

Poi ci sono gli ospiti fantasma, non accreditati, ma non è possibile non riconoscere Frank Ocean in ‘Running Out Of Time’ che racconta di un momento di addio, di svolta. E come fare a meno di scovare Kanye West in ‘Puppet’ o A$AP Rocky e Santigold in ‘New Magic Wand’, che è la traccia più Tyler vecchia maniera. E che racconta di gelosia nella peggiore accezione del termine?

E poi se Tyler the Creator vuole regalarci una traccia che arriva a lambire il funk lo fa con ‘I Think’

I don’t know where I’m going

But I know what I’m showing

E cita Chiamami Col Tuo Nome di Guadagnino.

Dichiarazione di intenti definitiva per questo lavoro che parte con il tema, ‘Igor’s Theme’ usando qualche colore di Elton John per il piano.

Tyler, the Creator corre grandissimi rischi con questo suo disco: innanzitutto quello di disorientare completamente chi già lo conosce, sicuramente quello di voler vincere ogni pregiudizio “sui rapper” che arriva da coloro che li mal digeriscono questi rapper, altrettanto quello di incuriosire spasmodicamente tutti coloro che dalla musica vogliono essere stupiti, interessati, conquistati.
E non c’è alcun successo certo.

Un disco coeso, ‘Igor’, un’opera d’arte che conquista anche quando ti prende a pugni in faccia come accade in ‘What’s Good’ e nei suoi momenti di filtri e melodie aperte, in un contrasto netto dove in tre minuti e mezzo ci sono elementi a sufficienza per un paio di dischi di altri artisti più hype di Tyler, the Creator (e che appartengono alla trap più banale in circolazione).

Così come in ‘Boy Is A Gun’, irresistibile incrocio di spazio e tempo fra il sample old school e il beat modernissimo che lo sorregge intinto nelle salse del cosiddetto r&b contemporaneo.

In questo 2019 ci sono dischi che spiccano per chi è curioso e vuole qualcosa di più dagli album (e non necessariamente è old school come me): Anderson .Paak, Jamila Woods, Ari Lennox e ora Tyler, the Creator raccontano storie.
Una per ciascuno di noi.

Ci vediamo fra 40 minuti.

1. IGOR’S THEME ft. Kali Uchis

2. EARFQUAKE ft. Charlie Wilson, Devonté Hynes, & Playboi Carti

3. I THINK

4. EXACTLY WHAT YOU RUN FROM YOU END UP CHASING ft. Jerrod Charmichael

5. RUNNING OUT OF TIME ft. Frank Ocean

6. NEW MAGIC WAND ft. A$AP Rocky & Santigold

7. A BOY IS A GUN

8. PUPPET ft. Kanye West

9. WHAT’S GOOD

10. GONE, GONE / THANK YOU ft. Cee-Lo Green

11. I DON’T LOVE YOU ANYMORE

12. ARE WE STILL FRIENDS ft. Pharrel